<<
 

 
 

 S.E.P.I. Italia

 Society for the Exploration of Psychotherapy Integration

 

La pratica dell'integrazione in psicoterapia

La SEPI è l’associazione internazionale che raccoglie gli psicoterapeuti di orientamento integrativo. Il termine “integrazione” è inteso in modi diversi, anche all’interno della stessa SEPI. Si va dal semplice eclettismo tecnico, in cui si fa libero uso di procedure sviluppate da diverse scuole senza preoccuparsi troppo della coerenza dell’insieme, all’integrazione teorica, in cui ci si propone la finalità più ambiziosa di integrare aspetti di teorie diverse (per es. psicoanalisi e comportamentismo) in un insieme coerente, passando per l’approccio dei fattori comuni, che punta a individuare i fattori terapeutici comuni a tutte le pratiche indipendentemente dall’orientamento teorico del terapeuta.

Oltre a questi diversi modi di intendere l’integrazione psicoterapeutica, occorre considerare i diversi atteggiamenti nei confronti dell’integrazione. Poco o tanto, tutti integrano. Generalmente si parte da un orientamento di base, appreso attraverso la formazione in una scuola specifica, per aggiungere poi su questa base, in tutto l’arco della carriera, elementi presi da orientamenti diversi e adattati all’insieme in cui sono inseriti (integrazione assimilativa). Ma questa assimilazione spesso non è dichiarata, perché all’integrazione si preferisce l’integrità contraria a ogni ibridazione. Se l’integrazione è vista con sospetto dai fautori dell’integrità, lo è anche dal versante opposto, dai fautori del pluralismo, che vedono in essa una minaccia alla libera proliferazione delle teorie. L’integrazione, considerata impura da un lato e oppressiva dall’altro, è inoltre sospettata di essere un atteggiamento difensivo rispetto al rigore di un metodo dato o alle costrizioni imposte dall’appartenenza a una scuola.

Nonostante queste diffidenze, in parte giustificate, il tema dell’integrazione è ineludibile, anche quando non è chiamato con questo nome. Un termine usato sempre più spesso, soprattutto in ambito psicoanalitico, è common ground (terreno comune). Non solo si è arrivati alla proliferazione incontrollata di centinaia di scuole diverse, ognuna con i propri principi teorici, tecnici e formativi: ma anche all’interno della stessa scuola si creano gruppi e sottogruppi che si differenziano per scelte teoriche tra di loro incompatibili. La ricerca di un terreno comune diventa allora una scelta obbligata per chi non vuole arrendersi alla deriva pluralistica che significa la perdita di un’identità comune, per cui per esempio non esiste più la psicoanalisi, ma solo le psicoanalisi. Per quanto la moltiplicazione delle scuole e degli orientamenti possa essere vista come un fattore di sviluppo, occorrerà poi che gli aderenti ai diversi paradigmi e orientamenti riescano a comunicare tra di loro, se si vuole che il pluralismo sia portatore di crescita e non di frammentazione in una miriade di tribù incapaci di scambio culturale. Ma perché ci sia comunicazione, occorre disporre di un minimo terreno comune di esperienze, concetti, linguaggio. In altre parole, la differenziazione è un fattore di sviluppo se è dialetticamente collegata al movimento opposto di integrazione delle differenze: in caso contrario, la differenziazione porta a movimenti separatisti o scissionisti con produzione di un numero virtualmente illimitato di gruppi o gruppuscoli ciascuno chiuso nel proprio orticello e nel proprio gergo. Al limite, come è stato osservato, si arriva all’esistenza di tante teorie della psicoanalisi (o della psicoterapia) quanti sono gli psicoanalisti (o gli psicoterapeuti) nella stanza.

 

Tullio Carere-Comes (coordinatore per l'Italia)

(Il testo completo è pubblicato sul primo numero della rivista “Simposio”, ottobre 2005)

 

 

 

5° Congresso SEPI-Italia
Psicoterapia e counseling: comunanze e differenze
Roma 2 giugno 2012 ASPIC

   
 

Il 4° Congresso SEPI-Italia si è svolto a Firenze dal 27 al 30 Maggio 2010, in congiunzione con il 26° Congresso internazionale della SEPI.

Abstract >>

Programma>>

 

 

 

3° Congresso SEPI Italia

Quale scienza per la psicoterapia? Roma, 18-19-20 Aprile 2008 

Programma      Sommario  Dibattito pre-congressuale    Dibattito post-congressuale

 
 
2° Congresso SEPI Italia Firenze 24-26 Marzo 2006 ... Dibattito.pre-congressuale Dibattito post-congressuale
 

 

 

1° Congresso SEPI Italia Milano, 16 Marzo 2002

Dibattito pre-congressuale e post-congressuale